Resetta Password

Risultati della ricerca

L’antica tradizione delle saline di Nubia e di Mothia

Pubblicata su 29 Aprile 2018 da Gemma Figliomeni

Proseguendo in direzione SUD da Trapani,dopo pochi chilometri, incontrerete il piccolo paesello di Nubia, conosciuto non solo per il suo rinomato tipo di aglio “aglio di nubia” ma anche per le sue splendide saline “ Ettore e Infersa” che si affacciano sul Mar Mediterraneo e che fanno parte anche di una riserva naturale dove in un determinato periodo dell’anno, oltre alle diverse specie a volte anche rare di uccelli, è possibile osservare i fenicotteri rosa che stazionano nelle saline alla ricerca di cibo.
Ma l’attrazione principale di questa zona sono senza dubbio le saline, che ogni anno attirano tanti visitatori curiosi di scoprire come veniva e come tutt’ora, essendo le saline ancora funzionanti, viene prodotto il sale, rispettando l’antica tradizione dei salinai di Nubia.
Lungo la strada che costeggia le saline si possono osservare i vecchi mulini a vento che, nei tempi antichi, servivano a far spostare l’acqua di mare da una vasca all’altra durante le varie fasi della produzione del sale; alcuni mulini sono stati ristrutturati e sono tutt’ora funzionanti anche se ormai obsoleti e quindi non più utilizzati; uno di questi mulini è stato invece trasformato in un museo del sale dove è possibile scoprire, attraverso filmati e immagini vedere come veniva praticata la raccolta del sale.
Se si vuole fare del BIRD-WATCHING il periodo ideale per la visita è la mattina mentre se si vogliono solamente vedere le saline il periodo ideale è la sera con il tramonto del sole che regala una stupenda visione agli occhi dei visitatori.

La riserva naturale dello Stagnone e l’isola di Mothia
Proseguendo ancora verso SUD da Nubia, si arriva alla riserva naturale dello Stagnone, una riserva lagunare che ospita al suo interno tante specie diverse di pesci, di piante e anche un’isola archeologica visitabile.
Per raggiungere l’isola si può prendere comodamente un battello che collega la terra ferma con l’isola di Mothia dove è situato il sito archeologico, ma nel periodo di bassa marea, essendo una laguna, l’acqua raggiunge un livello minimo tale da permettere il raggiungimento dell’isola, non essendo tanto lontana, anche a piedi.
La riserva dello Stagnone è anche famosa per le sue saline che, come quelle di Nubia, si affacciano sul mediterraneo e hanno come sfondo l’arcipelago delle isole Egadi.
Il momento ideale per la visita delle saline è senza ombra di dubbio al tramonto, perché godersi il tramonto del sole con il riflesso dei suoi ultimi fasci di luce sulle acque delle saline è uno spettacolo stupendo… Poi magari ci si può aggiungere un buon aperitivo lungo le sponde, essendo presenti alcuni bar e locali, e dopo aver scattato una foto mozzafiato al tramonto sulle saline potrete ritenervi soddisfatti della vostra visita alle saline dello Stagnone.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

otto + 4 =


  • Prenota adesso la tua Vacanza !

  • Chiedi Informazioni Velocemente

  • Resetta Password

  • Recensioni

    • {{{ review.rating_post_title }}}
      User Avatar
      {{{ review.rating_title }}}

      {{{review.rating_comment | sstr | nl2br}}}

      Mostra
Condividi